Buona sanità, verso una terapia a misura di anziano
26 Aprile 2016
Il perchè di una scelta cosi forte a favore della comunità
10 Maggio 2016

Donatori di Cuore

Cuore e Territorio prosegue il suo viaggio nel mondo dei giovani e si proietta nell’arte per contribuire, insieme ad altre associazioni, a diffondere messaggi educativi e di impegno sociale e ieri-  28 aprile 2016- ha partecipato, presso il Teatro Rasi, alla fase conclusiva  del GRR Festival.

13062205_261312394215160_1674437773047003593_nIl  bravissimo regista Gerardo Lamattina ha permesso, alla nostra Associazione, di selezionare tra i pregevoli  cortometraggi giunti al GRR Festival quello che,  a giudizio della commissione di Cuore e Territorio, composta dal Presidente Giovanni Morgese, dal Primario di Cardiologia Massimo Margheri e dalla cardiologa Federica Giannotti, riuniva i requisiti di una produzione audiovisiva legata alla socialità, alla solidarietà, al volontariato, alla difesa dei diritti e del bene pubblico.

13051580_261308730882193_2100169524727167004_nL’importante progetto  didattico del Circolo Cinesogni (Gerardo LamattinaMatteo Papi- Francesco Della Torre) e  del Liceo Artistico G. Nervi (Preside Maria Teresa Buglione  – Michela Perla – Cinzia Valletta – Maria Rita Servadei),  ha  saputo regalare emozioni e qualità.

Numerosa la presenza dei soci di Cuore e Territorio tra il pubblico, rappresentati   formalmente da  Anna Redavid, Donatella Truzzi e Sonia Colella.

13062217_261312807548452_1483093140061925253_nMomento fortemente carico di emozioni quando il Presidente Giovanni Morgese e il vice Presidente Massimo Margheri, hanno premiato il  Regista del cortometraggio “family”, Matteo Florio, con la seguente motivazione:

Dalla poesia del “Nuovo Cinema Paradiso” alla lucida realtà di un neorealismo contemporaneo.
Negli occhi scuri di un bambino, ladro d’amore, non possiamo non trovare lo sguardo dei tremila piccoli profughi siriani rimasti soli;
la domanda di chi cerca amore, il rifugio di una famiglia;
di chi trova un muro;
di chi sulla strada della vita rischia di trovare fantocci, imitazione di amore genitoriale.
In quegli occhi neri partenopei troviamo lo sguardo universale dei figli del nostro tempo.
Ora tocca a noi, dopo l’emozione, cercare di dare una risposta.
Tocca a noi capire che la famiglia e l’amore sono la prima risposta.
I bambini lo sanno, noi adulti dobbiamo ricordarlo.
Grazie al regista per averci illustrato una strada.

13082628_261312407548492_752879633460910783_nFamily ha regalato alla platea momenti di intensa emozione e il pensiero  è volato cupo in Siria dove  l’ultimo  raid compiuto da aerei del regime contro un ospedale, gestito dal Cicr e da Medici Senza Frontiere nella città nel nord del Paese, ha visto ancora una volta, tra l’indifferenza internazionale, la morte di   donne e bambini innocenti.

Segui il battito

.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: