Io Bullo, tu bulli, noi Vinciamo i bulli e le soluzioni dei ragazzi sbarcano in parlamento con un corto.

Fai un disegno sull’ amore, la risposta di una bimba in un compito…
21 settembre 2018
Sagra Salesiana, festa e prevenzione.
15 ottobre 2018

Io Bullo, tu bulli, noi Vinciamo i bulli e le soluzioni dei ragazzi sbarcano in parlamento con un corto.

Sarà presentato in Parlamento il corto degli studenti ravennati

(La locandina del cortometraggio. Primo piano: Andrea Dea Bertozzi)

Il lavoro contro il bullismo prodotto da Cuore e Territorio ed Edit Italia

Il cortometraggio contro il bullismo “Spegni il cellulare, Accendi il cuore”, diretto dal regista ravennate Gerardo Lamattina, verrà presentato e proiettato il prossimo 10 ottobre alla Camera dei Deputati di Palazzo Montecitorio, a Roma. Saranno presenti, fra gli altri, il regista Gerardo Lamattina e Giovanni Morgese, presidente dell’associazione Cuore e Territorio.

Il breve video è stato molto apprezzato dalle istituzioni “per il suo forte contenuto educativo, per aver saputo affrontare il delicato tema del bullismo giovanile in maniera efficace e diretta, con particolare sensibilità” e questa importante vetrina nazionale è il culmine di una serie di iniziative pubbliche in cui verrà presentato il corto.

Il progetto contro il bullismo

L’opera è stata realizzata in primavera e rappresenta la fase conclusiva del concorso “Diventa il regista del cambiamento” promosso dall’associazione no profit Cuore e Territorio nelle scuole di Ravenna e sostenuto da Edit Italia – già editrice anche del quotidiano on line ravenna24ore.it – in un più ampio progetto di promozione sociale. Alle riprese hanno partecipato oltre cinquanta ragazzi della scuola media “Don Minzoni” di Ravenna e alcuni studenti degli Istituti comprensivi “Guido Novello”, “Ricci Muratori” e “Montanari”. I laboratori di sceneggiatura orientati al concorso – che hanno coinvolto le classi seconde e terze degli Istituti comprensivi Guido Novello, Randi, Ricci Muratori, Darsena e San Biagio – sono stati realizzati sotto la guida degli insegnanti: Stefania Mosca, Elena Argelli, Paola Presicce, Tiziana Casadio, Maria Adele Bisca, Maria Conti e Gennaro Zinno.
Il concorso è arrivato dopo circa due anni di attività didattica sul bullismo portata avanti da Cuore e Territorio a Ravenna, scuola per scuola, con diverse conferenze rivolte a studenti ed insegnanti, che hanno visto come relatori: il magistrato Cristina D’Aniello, il dirigente della Polizia Postale Ivano Stasi, la psicoterapeuta Agata Manfredi, l’assessora Ouidad Bakkali, la dirigente dell’Ufficio Scolastico territoriale Agostina Melucci, il primario di Cardiologia Massimo Margheri, la vincitrice di Master Chef Italia 5 Erica Liverani, il comandante di Polizia Postale Alessandro Danese, la psicologa Alessandra Bolognesi, la cardiologa Federica Giannotti, il responsabile Tutela Minori Samuele Bosi, il primario di cardiologia Giancarlo Piovaccari, il sindaco di Ravenna Michele De Pascale, il comandante dei Carabinieri Giovanni Maiorana, il primo dirigente Anticrimine della Questura di Ravenna Scipione de Leonardis, il giudice del Tribunale di Ravenna Corrado Schiaretti, il senatore Stefano Collina, il sindaco di Faenza Giovanni Malpezzi, l’assessora alle Politiche Educative e Giovanili del Comune di Faenza Simona Sangiorgi, il dirigente del Commissariato di Lugo Angelo Tancredi.

 

I protagonisti

(Bertozzi – On. Pagani – Morgese)

I piccoli protagonisti, intorno a cui si sono mossi quasi da professionisti gli altri studenti, sono Andrea Dea Bertozzi, Andrea Lombardi, Chaima Morgese e Hapsatou Li. Accanto a loro, due interpreti d’eccezione: l’onorevole Alberto Pagani – fra l’altro anche docente e istruttore sportivo – e la vincitrice della quinta edizione di MasterChef, Erica Liverani.

La storia ruota intorno ad un’aggressione – probabilmente l’ennesima – ai danni di una ragazzina che ha l’unica “colpa” di essere più sensibile e timida degli altri. Viene presa di mira a scuola dai bulli di turno, in un mondo di indifferenza e dipendenza dallo smartphone che rende invisibile il suo dolore persino ai suoi genitori. Ma può bastare poco, un semplice gesto di aiuto, amore e vicinanza, per capovolgere un destino che sembra segnato…

Le presentazioni

Il corto sarà presentato anche a Ravenna, venerdì 5 ottobre, presso l’Ufficio Scolastico Territoriale. L’appuntamento è riservato ai dirigenti scolastici e al corpo docente delle scuole.

Il lavoro, inoltre, è stato selezionato in concorso in due festival cinematografici: l’Universal Kids Film Festival di Istanbul, in Turchia, la cui sesta edizione prenderà il via il 20 settembre prossimo e il Cervignano Film Festival (sezione corti scolastici), con proiezione nella mattinata di sabato 22 settembre al Teatro Sala Aurora di Cervignano del Friuli.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: