La scuola ha vinto la scommessa, lanciata dall’Associazione

PalaCosta – il volley contro il Bullismo
29 Maggio 2017
S.O.S. – un cuore pensante per il territorio
27 Giugno 2017

La scuola ha vinto la scommessa, lanciata dall’Associazione

 

         

“Io bullo , tu bulli, egli bulla, noi…vinciamo i bulli”: PalaCosta – 30 maggio 2017: la scuola ha vinto la scommessa, lanciata dall’Associazione Cuore e Territorio, di dialogare sul tema, fortemente sentito dai giovani, del bullismo e cyber bullismo, facendo “gruppo”, rete. L’occasione: il progetto “Diventa il regista del cambiamento” proposto da Cuore e Territorio e da Ravenna 24 ore, chiamando i giovani studenti ad essere protagonisti della loro vita, ideando, sceneggiando ed interpretando un cortometraggio sul tema del cyber bullismo.

Presenti all’incontro gli alunni delle scuole medie di Ravenna, professori e genitori, pronti a capire il fenomeno, a dialogare con i relatori, professionisti di settore chiamati da Cuore e Territorio con l’ormai consueto obiettivo di formare, informando. Così nell’arco di sei ore hanno preso la parola ed interagito con il pubblico  Agostina Melucci (dirigente dell’Ufficio Scolastico Territoriale), Alessandro Danese (comandante della Polizia Postale), Alessandra Bolognesi (psicologa), Samuele Bosi (responsabile Tutela Minori), Ouidad Bakkali (assessora alla Pubblica Istruzione e all’Infanzia del Comune di Ravenna), Cristina D’Aniello (sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Ravenna), Gerardo Lamattina (regista) e Federica Giannotti (cardiologa).

Il fenomeno è stato analizzato sotto molteplici aspetti, la scuola e le famiglie chiamate ad interagire come ormai previsto anche dalla nuova legge sul cyber bullismo, perché la problematica della sopraffazione del minore, della lesione della dignità dei nostri figli, della alienazione per il tramite dell’uso distorto di internet,  è prima di tutto un problema culturale, educativo ed allora occorre una rivoluzione culturale che rimetta al centro delle relazioni la persona ed il rispetto. Perché, come sostenuto dai relatori, l’educazione digitale è prima di tutto educazione civica.

Un impegno richiesto a tutti, ai genitori, agli insegnanti, ai ragazzi, a cui i relatori hanno voluto trasmettere il messaggio che non sono soli in questa lotta al bullismo, perché vi è una rete, sociale, giuridica, scolastica accanto ed intorno a loro. Apprezzata la presenza dell’Assessore Roberto Fagnani, di Erica Liverani, vincitrice di Masterchef 2016, del campione del mondo di Volley Stefano Margutti e dei due quotidiani più letti della città, Il Resto del Carlino e il Corriere rappresentati da Lorenzo Priviato e Cicognani, postisi accanto ai ragazzi al momento finale della premiazione dei numerosi progetti presentati.

Hanno preso parte al progetto le scuole:  “RICCI E MURATORI” con gli studenti delle classi 2A e 2F coordinate dalle prof. Casadio, Corsaro e Pironi; la “GUIDO NOVELLO” con gli studenti delle classi 1A e 1E coordinate dalla Prof. Barbara Farinelli; la “DON MINZONI” con gli studenti delle classi 1F3E e 3G coordinate dalla Dirigente  Carla Solaini e le prof. Stefania Mosca, Maria Cristina Bertini, Rossana Valla; la “RANDI” con  gli studenti delle classi 2A e 2C, coordinate dal dirigente Nevio Tampelli e la prof. Paola Presice ; la “DARSENA” con gli studenti delle classi 1A-2C-2F-1E e 2D coordinate dalla dirigente Nadia Gardini e le prof. Adele Bisca e Maria Conti.

La tavola rotonda ha avuto inizio con un coinvolgente e spontaneo scambio di vedute sui cinque anni di scuola elementare appena terminati da parte degli studenti del coro “Swing Kids” della scuola elementare “Filippo Mordani”, da sempre impegnata sulla scena della condivisione dei valori sociali,  a cui si è aggiunta la famosa maestra Catia Gori che li ha diretti in due canti che hanno emozionato il folto pubblico presente. Più di 300 adulti si sono succeduti ad ascoltare i vari relatori.

La seconda parte della tavola rotonda invece ha visto un nuovo inaspettato epilogo. La famiglia Pace, con  Renzo, titolare della Pace S.R.L. ha voluto donare all’ Associazione, per il grande servizio sociale che gli riconosce ed in memoria della mamma, sostenitrice convinta, un defibrillatore. Un simpatico siparietto e convergenza di intenti tra l’ Assessore Fagnani e il Presidente Morgese ha buttato le basi per un nuovo punto pubblico di primo soccorso a favore della cittadinanza e dei numerosi turisti. Fagnani si è sbilanciato promettendo la collocazione del defibrillatore in Piazza Baracca – inizio Viale Cavour. Fervono i preparativi.

Durante le ore del convegno la nuova legge sul cyber bullismo è stata analizzata; spiegati i nuovi meccanismi a tutela della dignità dei minori, quali la  richiesta di oscuramento dei siti e la richiesta di ammonimento; l’ espressa necessità di un coordinamento tra scuola e famiglia: i due maggiori ambiti di aggregazione; indicati i profili di responsabilità giuridica. Inesorabilmente gli interventi hanno riguardato anche il fenomeno della Blu Whale, che ha visto alcuni casi drammatici verificarsi nel nostro territorio.

Una criticità alla legge: la mancata previsione di idonei fondi da investire nella lotta al cyber bullismo; e allora ben vengano le iniziative sul territorio e nelle scuole come quella ideata da Cuore e Territorio, come rimarcato dal Provveditore.

 

… segui il battito

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Comments are closed.