Ravenna è una città cardioprotetta??
29 Febbraio 2016
A scuola per imparare a salvare una vita. Segui il battito…
5 Marzo 2016

Tu ci stai a Cuore – Guido Novello

18 febbraio 2016.

La realizzazione del progetto scuole.
Un sentito Grazie a tutti quelli che hanno contribuito con passione e dispendio di energie a trasformare un ambizioso progetto in realtà!! Un contributo per una Ravenna migliore!!

“Grande fermento questa mattina alla Scuola media Guido Novello, dove per le classi 2ª e 3ª ha ufficialmente preso il via il progetto “Tu ci stai a cuore” fortemente voluto dalle associazioni Cuore e Territorio, Linea Rosa e Ravenna Centro Storico. I ragazzi, tutti attenti questa mattina alla presentazione delle speciali “lezioni”, saranno impegnati quest’oggi con incontri formativi tenuti da esperti in materia di “primo soccorso e rianimazione cardiopolmonare”, “uso di droghe e alcol: conseguenze psicofisiche”, “detenzione e consumo di droghe e alcol, omissione di soccorso: risvolti penali e costi legali delle proprie azioni, “maltrattamento e violenza di genere”.

L’inizio del progetto è stato tenuto a battesimo dall’assessora alla Polizia Municipale, Sicurezza e Immigrazione Martina Monti, che ai ragazzi ha spiegato quanto sia stato formativo per il suo carattere il periodo delle medie e quanto sia importante avere gli strumenti per misurare le proprie azioni in un’età che apre le porte all’adolescenza.

Sono seguiti, poi, gli interventi del Giudice Antonella Guidomei e del Pubblico Ministero Cristina D’Aniello, che hanno sottolineato l’importanza della consapevolezza per fare le scelte più giuste ed evitare conseguenze spiacevoli.

Tra i relatori che si alterneranno alla guida degli incontri ci sono anche: il Primario di Cardiologia Massimo Margheri, i cardiologi Federica Giannotti, Lisi Matteo, le psicologhe  Francesca Ponci e Agata Manfredi, nonché gli Avvocati Mariagrazia Russo e Emanuela Rijllo.

“Con il progetto si offrirà un ulteriore punto di riferimento agli insegnanti e ai genitori nella crescita all’interno della comunità”, hanno spiegato i promotori, che nei giorni scorsi avevano ringraziato per la loro sensibilità il dirigente Gennaro Zinno e la sua prima collaboratrice Francesca Bertozzi, “consapevoli  che la principale soluzione al drammatico problema del disagio adolescenziale risieda nell’approccio culturale ed educativo a cui sono esposti i più giovani, i nostri figli. Educando si cresce… e lo si fa principalmente nelle scuole e  nei luoghi di aggregazione”.

Articolo tratto da Ravenna 24 ore

Print Friendly, PDF & Email

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: